Italian English French German Spanish Portuguese Russian Chinese (Simplified) Arabic
borsino
HOME   |   ENTRA   |   REGISTRATI    |    NEWS    |    CONTATTI        
Ambiente
Energia
Notizie sui mercati
Corsi professionali
Fiere ed eventi
Attualità
Design
Viaggi
 
19 / 09 / 2017

ambiente Il Centro di Raccolta Comunale Green POINT di Borsinorifiuti








NON AVVIA un Centro di Raccolta in collaborazione con Borsinorifiuti?



Borsinorifiuti in collaborazione con i Gestori Ambientali convenzionati offre ai comuni o agli enti pubblici interessati l'allestimento dei centri di raccolta nei quali i cittadini possono consegnare i rifiuti riciclabili.



I rifiuti presenti nel Centro di Raccolta verranno gestiti tramite i servizi della piattaforma online borsinorifiuti.com che piazzerà ogni mese i rifiuti al miglior offerente. I gestori ambientali convenzionati che offrono il servizio di recupero per la piattaforma borsinorifiuti.com, sono tutti inseriti nelle White List delle Prefetture.













centri di raccolta sono costituiti da aree presidiate ed allestite ove si svolge unicamente attività di raccolta, mediante raggruppamento per frazioni omogenee per il trasporto agli impianti di recupero, trattamento e, per le frazioni non recuperabili, di smaltimento, dei rifiuti urbani e assimilati conferiti in maniera differenziata rispettivamente dalle utenze domestiche e non domestiche anche attraverso il gestore del servizio pubblico, nonché dagli altri soggetti tenuti in base alle vigenti normative settoriali al ritiro di specifiche tipologie di rifiuti dalle utenze domestiche.



I centri di raccolta devono essere approntati nel rispetto di tutte le norme vigenti in materia di tutela dell'ambiente, nonché di sicurezza sul lavoro.
Devono essere localizzati in aree servite dalla rete viaria di scorrimento urbano per facilitare l'accesso degli utenti.
Devono garantire: la presenza di personale qualificato ed adeguatamente addestrato nel gestire le diverse tipologie di rifiuti conferibili, nonché sulla sicurezza e sulle procedure di emergenza in caso di incidenti e la sorveglianza durante le ore di apertura.


Devono essere dotati di:



  1. adeguata viabilità interna;

  2. pavimentazione impermeabilizzata nelle zone di scarico e deposito dei rifiuti;

  3. idoneo sistema di gestione delle acque meteoriche e di quelle provenienti dalle zone di raccolta dei rifiuti;

  4. recinzione di altezza non inferiore a 2 m;

  5. adeguata barriera esterna, realizzata con siepi e/o alberature o schermi mobili, atta a minimizzare l'impatto visivo dell'impianto;

  6. sistemi di illuminazione e apposita cartellonistica indicante le tipologie di rifiuti che possono essere conferiti, gli orari di apertura e le norme per il comportamento;

  7. adeguate misure di prevenzione incendio;

  8. idonei bacini impermeabilizzati per il contenimento di sversamenti accidentali da serbatoi, anche mobili, utilizzati per il deposito di sostanze oleose, vernici, inchiostri, adesivi e resine;

  9. cassoni a tenuta per il deposito di batterie ed accumulatori onde contenere i liquidi eventualmente fuoriusciti;

  10. sistema di raccolta dell’eventuale percolato prodotto dalla frazione organica umida.


Il centro di raccolta deve essere strutturato prevedendo:



  • a) zona di conferimento e deposito dei rifiuti non pericolosi, attrezzata con cassoni scarrabili/contenitori, anche interrati, e/o platee impermeabilizzate e opportunamente delimitate. Nel caso di deposito dei rifiuti in cassoni scarrabili è opportuno prevedere la presenza di rampe carrabili almeno per il conferimento di materiali ingombranti o pesanti;

  • b) zona di conferimento e deposito di rifiuti pericolosi, protetta mediante copertura fissa o mobile dagli agenti atmosferici, attrezzata con contenitori posti su superficie impermeabilizzata e dotata di opportuna pendenza, in modo da convogliare eventuali sversamenti accidentali ad un pozzetto di raccolta, a tenuta stagna; in alternativa ciascun contenitore destinato al conferimento dei rifiuti liquidi pericolosi deve avere una vasca di contenimento con capacità pari ad almeno 1/3 di quella del contenitore.


I rifiuti pericolosi, nonché i rifiuti in carta e cartone devono essere protetti dagli agenti atmosferici.


Le aree di deposito devono essere chiaramente identificate e munite di esplicita cartellonistica indicante le norme per il conferimento dei rifiuti e il contenimento dei rischi per la salute dell'uomo e per l'ambiente.

I rifiuti conferiti al centro di raccolta, a seguito dell'esame visivo effettuato dall'addetto, devono essere collocati in aree distinte del centro per flussi omogenei, attraverso l'individuazione delle loro caratteristiche e delle diverse tipologie e frazioni merceologiche, separando i rifiuti potenzialmente pericolosi da quelli non pericolosi e quelli da avviare a recupero da quelli destinati allo smaltimento. 

Deve essere redatto un piano di ripristino a chiusura dell'impianto al fine di garantire la fruibilità del sito, in coerenza con la destinazione urbanistica dell'area.

La durata del deposito di ciascuna frazione merceologica conferita al centro di raccolta non deve essere superiore a tre mesi.


I vantaggi derivanti dall’istituzione dei centri di raccolta sono:



  • in primis l’autonomia decisionale e gestionale del comune che intende attrezzare un centro di raccolta, nel rispetto dei vincoli fissati dalla norma (D M 8 aprile 2008);

  • la possibilità di aprire i centri al pubblico che consente di migliorare il rapporto tra i cittadini e la pubblica amministrazione;

  • la semplificazione delle scritture ambientali, sia pur limitatamente ai rifiuti non pericolosi;

  • lo svincolo dalle autorizzazioni regionali o anche provinciali, infatti le operazioni che è consentito svolgere nei centri di raccolta sono ricomprese nella definizione di raccolta di cui alla lettera o) dell’articolo 183 del D. Lgs. 152/06 e s. m e i.;

  • o) raccolta: il prelievo dei rifiuti, compresi la cernita preliminare e i deposito, ivi compresa la gestione dei centri di raccolta …. ai fini del loro trasporto in un impianto di trattamento.


Pertanto ne consegue che tale deposito, non consistendo in operazione di gestione dei rifiuti riconducibile a quelle di cui all'allegato B) e C), né tanto meno a trasporto, non è soggetto ad autorizzazione, bensì dovesse essere unicamente regolamentata, ai sensi dell'articolo 198, comma 2, del D Lgs. 152/06, dal comune interessato. Diversamente si avrebbero interferenze sulle modalità di organizzazione di un servizio pubblico di raccolta dei rifiuti urbani che il comune deve assolvere sulla base di obblighi che la legge gli ha assegnato direttamente ai sensi del già citato articolo 188 del Dlgs n. 152/06, con inutili appesantimenti burocratici.
Da quanto sopra consegue che all'interno del centro di raccolta non possono essere effettuate operazioni di disassemblaggio di rifiuti ingombranti e di apparecchiature elettriche ed elettroniche, che sono configurabili come operazioni di gestione dei rifiuti riconducibili a quelle di cui all'allegato B) e C) del Dlgs 152/06, pertanto soggette ad autorizzazione regionale o quanto meno soggette a procedure semplificate. In particolare, le apparecchiature non devono subire danneggiamenti che possano causare il rilascio di sostanze inquinanti o pericolose per l'ambiente o compromettere le successive operazioni di recupero.

I centri di raccolta allestiti e gestiti in conformità alle disposizioni sopra descritte e in conformità con la normativa vigente in materia urbanistica ed edilizia sono approvati esclusivamente dal Comune territorialmente competente che ne dà comunicazione alla Regione e alla Provincia.

Nel caso in cui il Comune decida di affidare in gestione un centro di raccolta, è necessario che il soggetto al quale verrà affidato l’incarico sia iscritto all'Albo nazionale gestori ambientali (di cui all'articolo 212 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modifiche), nella Categoria 1 "Raccolta e trasporto dei rifiuti urbani" di cui all'articolo 8 del decreto del Ministro dell'ambiente 28 aprile 1998, n. 406



Condividi l'inserzione sui social

facebook     linkedIn     twitter     google+


09/09/2017 ambiente I Concessionari di Borsinorifiuti.com
02/09/2017 ambiente Traffico rifiuti: arrestato imprenditore
01/09/2017 ambiente Servizio SUPER FAST smaltimento abiti usati ecocentro Aprilia
30/08/2017 ambiente Abruzzo, sul Morrone è catastrofe ambientale
30/08/2017 ambiente Il lago divorato dal deserto
30/08/2017 ambiente Il cambiamento climatico è già realtà
14/05/2017 ambiente 4 Miliardi di tonnellate di rifiuti
12/05/2017 ambiente Adriatico di plastica
10/05/2017 ambiente BorsinoRifiuti raggiunge il GOAL
07/05/2017 ambiente Incendio rifiuti a Pomezia. Stop raccolta ortaggi e pascoli in area
07/05/2017 ambiente ECONOMIA CIRCOLARE, DAI FRIGORIFERI USATI UN ASSORBENTE PER OLI E IDROCARBURI
07/05/2017 ambiente Il viaggio di una Balla di Carta
07/05/2017 ambiente Borsinorifiuti e i media
24/03/2017 ambiente Avviata campagna di investimento di borsinorifiuti
17/03/2017 ambiente Ancora arresti nella terra dei fuochi
17/03/2017 ambiente Nel 2016 oltre 67mila tonnellate di rifiuti 'tech' in Italia
05/03/2017 ambiente REGGIO CALABRIA, SCOPERTO TRAFFICO ILLECITO DI RIFIUTI SPECIALI
05/03/2017 ambiente Adriatico e Ionio, 658 rifiuti ogni 100 metri di spiaggia
05/03/2017 ambiente Nuovo record temperatura in Antartide, +17,5 gradi
05/03/2017 ambiente Ecopneus, per buche strade la soluzione è la gomma riciclata
28/01/2017 ambiente Londra dice stop ai bicchieri di caffè in discarica
28/01/2017 ambiente Economia circolare: l’Europa spinge al riuso. Ecco i benefici per l'economia, l'occupazione e l'ambiente
28/01/2017 ambiente Il Ruolo dei Centri di RIUSO Borsino POINT
02/01/2017 ambiente RIUSO
11/12/2016 ambiente Sicilia riciclo
02/12/2016 ambiente Rifiuti Urbani - Un settore che vale tre volte quello del calcio Italiano
30/11/2016 ambiente Lo sconto sulla TARI per gli utenti privati di Borsinorifiuti
23/11/2016 ambiente BORSINORIFIUTI POINT MOD. GOLD RITIRO RIFIUTI URBANI OGGI SI PUÒ
07/11/2016 ambiente Olio dalle Alpi. Così cambia il clima in Italia
07/11/2016 ambiente Montichiari, bambini intossicati. Parte l’interrogazione parlamentare del M5S
07/11/2016 ambiente Big petrolio, 1 mld dlr per tecnologie basse emissioni
07/11/2016 ambiente Al via Conferenza Onu sul clima, sfida da parole a fatti
10/10/2016 ambiente In Italia raccolti 2,1 mln ton plastica, si ricicla un quarto
10/10/2016 ambiente Scarti alimentari, più conveniente riciclarli in nuovo cibo
10/10/2016 ambiente “COMPOST E AGRICOLTURA”, LA REGIONE SARDEGNA TRA LE ECCELLENZE
10/10/2016 ambiente BORSINORIFIUTI POINT - In atto il sistema Differenziamo
05/09/2016 ambiente IL BUCO NELL’OZONO SI RESTRINGE MA LA TEMPERATURA DEL PIANETA SALE: QUAL È LA VERITÀ?
06/08/2016 ambiente Alluminio: dalle pentole all’incarto dei cioccolatini. E siamo primi in Europa nel riciclo
02/08/2016 ambiente Economia Circolare - Borsinorifiuti è nato per questa idea di economia
14/07/2016 ambiente Seveso quarant’anni dopo, la Direttiva SEVESO III, D.lgs. n. 105/2015 sugli incidenti rilevanti
07/07/2016 ambiente Raee: ecco i Comuni Ricicloni 2015
07/07/2016 ambiente Una montagna di “rifiuti speciali”: sono quattro volte quelli urbani
22/06/2016 ambiente Presentazione Borsinorifiuti al Digithon Bisceglie (BT) 2016
22/06/2016 ambiente Pubblicità Abbatantuono
21/06/2016 ambiente Sciopero Rifiuti
02/06/2016 ambiente Diminuzione TARI con Borsinorifiuti.com
20/05/2016 ambiente Il riciclo della plastica “made in Italy”
14/05/2016 ambiente DAL CARCERE NUOVA VITA AI RIFIUTI ELETTRICI ED ELETTRONICI
02/05/2016 ambiente VIDEO: Come si salvano le foreste? con il tuo cellulare usato
02/05/2016 ambiente Il 95% dei rifiuti in mare è in plastica – i dati shock di Legambiente
18/04/2016 ambiente Riciclo: ecco dove finiscono i rifiuti in Europa
18/04/2016 ambiente Gestione dei Rifiuti: Zero Sprechi, per un'Economia Veramente Circolare
08/04/2016 ambiente Pneumatici ricostruiti, nel 2015 risparmiati 69,1 milioni
08/04/2016 ambiente World Water Day 2016
08/04/2016 ambiente SPOT PER L'AMBIENTE
08/04/2016 ambiente 4 MINUTE VIDEO THAT WILL CHANGE YOUR LIFE FOREVER ! SAVE THE ENVIRONMENT !
09/01/2016 ambiente COP21, LE FORESTE SARANNO PROTETTE. MALE
social facebook borsinorifiuti twitter borsinorifiuti linkedin borsinorifiuti blog borsinorifiuti skype borsinorifiuti
BorsinoRifiuti è un marchio di Taebioenergy srl | via Magretti 22 - 20037 Paderno Dugnano (Mi) | P.IVA : 09179170965 | Tel 02 9102174 - Fax 02.96.78.99.74 - e-mail: info@borsinorifiuti.com