Italian English French German Spanish Portuguese Russian Chinese (Simplified) Arabic
borsino
HOME   |   CHI SIAMO   |   REGISTRATI    |    NEWS    |    CONTATTI        
Ambiente
Energia
Notizie sui mercati
Corsi professionali
Fiere ed eventi
Attualità
Design
Viaggi
 
14 / 05 / 2017

ambiente 4 Miliardi di tonnellate di rifiuti



CONDIVIDERE SE POSSIBILE



 






l'ultimo rapporto dell'International Solid Waste Association (l'associazione mondiale che riunisce gli operatori del settore trattamento e smaltimento rifiuti), attualmente nel mondo vengono prodotti circa 4 miliardi di tonnellate di rifiuti ogni anno. La metà è rappresentata da rifiuti urbani (quelli prodotti dalle famiglie), mentre l'altra metà riguarda i rifiuti cosiddetti speciali, provenienti cioè da attività industriali e produttive. Anche se non esistono stime univoche, complici la crescita della popolazione mondiale e lo sviluppo economico (oggi particolarmente accentuato nei cosiddetti paesi Bric, Brasile, Russia, India e Cina), nel giro dei prossimi 10-15 anni si potrebbe arrivare a un aumento di questa produzione anche del 50%; quindi oltre 6 miliardi di tonnellate.



La situazione appare del tutto preoccupante, soprattutto alla luce del fatto che, sempre secondo stime ISWA, circa la metà della popolazione mondiale (3,5 miliardi di persone), non ha accesso ai più elementari servizi di gestione rifiuti. Ragione per cui ogni anno montagne (letteralmente) di rifiuti vengono prodotte e abbandonate, con danni ambientali e sanitari spesso irreparabili.



 



I rifiuti urbani: una spesa ingente e un danno per l'ambiente



Secondo la Banca Mondiale, lo smaltimento dei rifiuti urbani attualmente costa alle comunità circa 205 miliardi di dollari all'anno, una cifra che, sempre nel giro di 10-15 anni, potrebbe addirittura raddoppiare. Già da ora la gestione dei rifiuti è una delle voci di costo più pesanti nei bilanci delle amministrazioni pubbliche e continua a crescere con l'aumentare della popolazione. L'aumento maggiore si è avuto in Cina, dove la produzione di rifiuti ha superato gli Stati Uniti già dal 2004. La produzione di RSU aumenta anche in Asia orientale, nell'Europa dell'est e nel Medio Oriente. Inoltre, occorre valutare l'aspetto ambientale: secondo l'indagine i rifiuti solidi urbani rappresentano il 12% delle emissioni mondiali di metano e il 5% della produzione totale di gas serra.



 



La soluzione? Una corretta gestione dei rifiuti e il loro recupero



L'appello ai grandi agglomerati urbani del mondo, dunque, è scontato: occorre correre ai ripari, secondo la Banca Mondiale, con seri piani di riduzione, riciclo e recupero dei rifiuti, favorendo la raccolta differenziata e facendo pagare tariffe molto più alte a chi non la adotta. In questo l'Europa ha cominciato da qualche anno a premere sugli stati membri attraverso la direttiva sui rifiuti del 2008.



I risultati cominciano a vedersi soprattutto in paesi già citati come Germania e regione scandinava, che vantano percentuali elevate di riciclo, impianti moderni e diffusi capillarmente sul territorio e minore ricorso alle discariche, attraverso severe regole di disincentivo e controllo.



 



Le economie in crisi e il ricorso alle discariche



L'incremento della produzione globale dei rifiuti fa sì che, in quelle nazioni in cui lo sviluppo di impianti e tecnologie è in ritardo, i costi di smaltimento diventino più alti. E i paesi poco sviluppati diventano inevitabilmente la destinazione ultima dei rifiuti, soprattutto speciali e pericolosi, per il loro uso massiccio delle discariche, soluzione più economica ma molto impattante per l'ambiente. In Europa, nei paesi più virtuosi come Svezia, Danimarca o Norvegia le tariffe per questo tipo di trattamento possono arrivare anche a 180 o 230 euro a tonnellata. La Germania, addirittura, le ha vietate. Nazioni come il Portogallo, l'Irlanda o la Spagna, paesi oggi in forte crisi, offrono invece condizioni molto più vantaggiose. Ancora, sul tema dei rifiuti elettrici ed elettronici (i cosiddetti RAEE), gli ultimi dati indicano l'Africa come la pattumiera del mondo: secondo uno studio dell'UNEP (il programma per l'ambiente delle Nazioni Unite), solo nel 2009 dall'Italia e dall'Europa in generale sono arrivate nei paesi dell'Africa occidentale 220mila tonnellate di prodotti elettrici ed elettronici. Componenti che, se non trattate, sono altamente inquinanti e pericolose per l'ambiente. L'obiettivo dell'ONU è proprio quello di avviare la filiera del recupero dei RAEE in Africa, che potrebbe rappresentare una notevole opportunità economica.



 



Le ecomafie: una piaga da combattere



La via dello smaltimento illegale, soprattutto per quanto riguarda i rifiuti industriali, continua a essere una delle più battute, in tutto il mondo. Una triste realtà, che coinvolge anche l'Italia: secondo Legambiente, nel nostro paese solo nel 2010 è stato sequestrato qualcosa come 2 milioni di tonnellate di rifiuti speciali e pericolosi, gestiti illegalmente dalle cosche mafiose. Le rotte dei traffici coinvolgono quasi tutte le regioni e si proiettano su scala mondiale, in 22 stati esteri. E i flussi non sono più unidirezionali né riguardano solo rifiuti del meridione che vanno verso settentrione: i traffici seguono rotte circolari e bidirezionali, dunque anche dal sud al nord Europa.



 



Europa a due velocità



Venendo nello specifico all'Europa, se si considerano le modalità attraverso cui i diversi paesi gestiscono il ciclo rifiuti, è possibile individuare nettamente due categorie. Da un lato i paesi non virtuosi, caratterizzati da carenza di impianti di trattamento specifici (ad esempio termovalorizzatori, impianti di compostaggio, trattamento fanghi, ecc.), basse percentuali di raccolta differenziata e, conseguentemente, alto ricorso al conferimento in discarica. Fra questi vi sono soprattutto i paesi dell'Europa orientale e meridionale (ad esempio Bulgaria, Repubblica Ceca, Grecia). Dall'altro lato vi sono invece i paesi più virtuosi, dove grazie ad una robusta dotazione impiantistica e a politiche di forte incentivazione della riduzione rifiuti e del riciclo materiali si è fortemente ridotto, o addirittura azzerato l'uso delle discariche. In questa categoria rientrano praticamente tutti i paesi centro-settentrionali del Vecchio Continente (Svizzera, Germania, Austria, Olanda, Svezia, ecc.). L'Italia in questo panorama sta nel mezzo, con ancora il 46% dei rifiuti urbani (contro un 38% medio dell'Ue a 27, fonte ISPRA), conferiti in discarica e una percentuale di raccolta differenziata molto diversa da regione a regione, ma complessivamente ancora molto bassa 35,3% (fonte ISPRA 2012).



Uno dei motivi del ritardo italiano sta nella scarsità di presenza di impianti di trattamento e smaltimento. Prendiamo il caso degli impianti di termovalorizzazione, grazie ai quali è possibile recuperare dai rifiuti importanti quantitativi di energia termica ed elettrica in parte rinnovabile. In Italia sono 49 e dovrebbero coprire il fabbisogno di 60 milioni di abitanti. In Francia ce ne sono 130 per 65 milioni, in Danimarca 31 per 7 milioni di abitanti. In Germania ce ne sono "solo" 70, ma con un potenziale di valorizzazione pari al quadruplo delle tonnellate del nostro sistema. (font Hera).








Condividi l'inserzione sui social

facebook     linkedIn     twitter     google+


12/05/2017 ambiente Adriatico di plastica
10/05/2017 ambiente BorsinoRifiuti raggiunge il GOAL
07/05/2017 ambiente Incendio rifiuti a Pomezia. Stop raccolta ortaggi e pascoli in area
07/05/2017 ambiente ECONOMIA CIRCOLARE, DAI FRIGORIFERI USATI UN ASSORBENTE PER OLI E IDROCARBURI
07/05/2017 ambiente Il viaggio di una Balla di Carta
07/05/2017 ambiente Borsinorifiuti e i media
24/03/2017 ambiente Avviata campagna di investimento di borsinorifiuti
17/03/2017 ambiente Ancora arresti nella terra dei fuochi
17/03/2017 ambiente Nel 2016 oltre 67mila tonnellate di rifiuti 'tech' in Italia
05/03/2017 ambiente REGGIO CALABRIA, SCOPERTO TRAFFICO ILLECITO DI RIFIUTI SPECIALI
05/03/2017 ambiente Adriatico e Ionio, 658 rifiuti ogni 100 metri di spiaggia
05/03/2017 ambiente Nuovo record temperatura in Antartide, +17,5 gradi
05/03/2017 ambiente Ecopneus, per buche strade la soluzione è la gomma riciclata
28/01/2017 ambiente Londra dice stop ai bicchieri di caffè in discarica
28/01/2017 ambiente Economia circolare: l’Europa spinge al riuso. Ecco i benefici per l'economia, l'occupazione e l'ambiente
28/01/2017 ambiente Il Ruolo dei Centri di RIUSO Borsino POINT
02/01/2017 ambiente RIUSO
11/12/2016 ambiente Sicilia riciclo
02/12/2016 ambiente Rifiuti Urbani - Un settore che vale tre volte quello del calcio Italiano
30/11/2016 ambiente Lo sconto sulla TARI per gli utenti privati di Borsinorifiuti
23/11/2016 ambiente BORSINORIFIUTI POINT MOD. GOLD RITIRO RIFIUTI URBANI OGGI SI PUÒ
07/11/2016 ambiente Olio dalle Alpi. Così cambia il clima in Italia
07/11/2016 ambiente Montichiari, bambini intossicati. Parte l’interrogazione parlamentare del M5S
07/11/2016 ambiente Big petrolio, 1 mld dlr per tecnologie basse emissioni
07/11/2016 ambiente Al via Conferenza Onu sul clima, sfida da parole a fatti
10/10/2016 ambiente In Italia raccolti 2,1 mln ton plastica, si ricicla un quarto
10/10/2016 ambiente Scarti alimentari, più conveniente riciclarli in nuovo cibo
10/10/2016 ambiente “COMPOST E AGRICOLTURA”, LA REGIONE SARDEGNA TRA LE ECCELLENZE
10/10/2016 ambiente BORSINORIFIUTI POINT - In atto il sistema Differenziamo
05/09/2016 ambiente IL BUCO NELL’OZONO SI RESTRINGE MA LA TEMPERATURA DEL PIANETA SALE: QUAL È LA VERITÀ?
06/08/2016 ambiente Alluminio: dalle pentole all’incarto dei cioccolatini. E siamo primi in Europa nel riciclo
02/08/2016 ambiente Economia Circolare - Borsinorifiuti è nato per questa idea di economia
14/07/2016 ambiente Seveso quarant’anni dopo, la Direttiva SEVESO III, D.lgs. n. 105/2015 sugli incidenti rilevanti
07/07/2016 ambiente Raee: ecco i Comuni Ricicloni 2015
07/07/2016 ambiente Una montagna di “rifiuti speciali”: sono quattro volte quelli urbani
22/06/2016 ambiente Presentazione Borsinorifiuti al Digithon Bisceglie (BT) 2016
22/06/2016 ambiente Pubblicità Abbatantuono
21/06/2016 ambiente Sciopero Rifiuti
02/06/2016 ambiente Diminuzione TARI con Borsinorifiuti.com
20/05/2016 ambiente Il riciclo della plastica “made in Italy”
14/05/2016 ambiente DAL CARCERE NUOVA VITA AI RIFIUTI ELETTRICI ED ELETTRONICI
02/05/2016 ambiente VIDEO: Come si salvano le foreste? con il tuo cellulare usato
02/05/2016 ambiente Il 95% dei rifiuti in mare è in plastica – i dati shock di Legambiente
18/04/2016 ambiente Riciclo: ecco dove finiscono i rifiuti in Europa
18/04/2016 ambiente Gestione dei Rifiuti: Zero Sprechi, per un'Economia Veramente Circolare
08/04/2016 ambiente Pneumatici ricostruiti, nel 2015 risparmiati 69,1 milioni
08/04/2016 ambiente World Water Day 2016
08/04/2016 ambiente SPOT PER L'AMBIENTE
08/04/2016 ambiente 4 MINUTE VIDEO THAT WILL CHANGE YOUR LIFE FOREVER ! SAVE THE ENVIRONMENT !
09/01/2016 ambiente COP21, LE FORESTE SARANNO PROTETTE. MALE
social facebook borsinorifiuti twitter borsinorifiuti linkedin borsinorifiuti blog borsinorifiuti skype borsinorifiuti
BorsinoRifiuti è un marchio di Taebioenergy srl | via C.Battisti nr 64 , Pogliano Milanese - (MI) | P.IVA : 09179170965 | Tel 02.93.21.32.01 - Fax 02.96.78.99.74 - e-mail: info@borsinorifiuti.com