Italian English French German Spanish Portuguese Russian Chinese (Simplified) Arabic
borsino
HOME   |   ENTRA   |   REGISTRATI    |    NEWS    |    CONTATTI        
Ambiente
Energia
Notizie sui mercati
Corsi professionali
Fiere ed eventi
Attualità
Design
Viaggi
 
19 / 07 / 2020

energia L’Arabia Saudita oltre il petrolio: 5 miliardi di $ per diventare un hub mondiale dell’idrogeno verde


Il gruppo Air Products ha annunciato oggi di aver raggiunto un’intesa con Acwa Power e Neom relativa allo sviluppo di un maxi impianto – il più grande al mondo di questa tipologia, almeno sulla carta – di produzione di ammoniaca ‘green’ da idrogeno rinnovabile, per un investimento complessivo (suddiviso equamente tra i 3 partner che saranno soci paritetici di una joint-venture) di oltre 5 miliardi di dollari.








Il futuro impianto produttivo sarà situato a Neon, futura smart-city e hub delle energie rinnovabili che si sorgerà nell’area nord occidentale dell’Arabia Saudita, e sfrutterà un innovativo sistema da 4 GW che integra energia solare ed eolica per produrre idrogeno verde da elettrolisi dell’acqua con tecnologia della corporation tedesca Thysssenkrupp, da cui poi verrà sintetizzata ammoniaca a impatto zero.


In base al progetto, a Neom, a partire dal 2025, verranno prodotte 650 tonnellate di idrogeno verde al giorno, trasformante a loro volta in circa 1,2 milioni di tonnellate di ammoniaca ‘green’ all’anno (con tecnologia di Haldor Topsoe).


Ammoniaca che sarà ad esclusivo appannaggio di Ari Products, la quale intende trasportare il prodotto in tutto il mondo, per poi ri-trasformarlo in idrogeno da destinare al mercato del trasporto.


La notizia, al di là degli enormi valori (economici ed industriali) in ballo, assume particolare rilevanza per una molteplicità di ragioni.


Innanzitutto costituisce un’immediata applicazione concreta dell’accordo di collaborazione appena siglato tra Air Product a Thyssenkrupp, annunciato pochi giorni fa e focalizzato proprio sull’implementazione della tecnologia tedesca per l’elettrolisi alcalina in grandi progetti di idrogeno verde.


In secondo luogo, l’iniziativa conferma il ruolo che l’ammoniaca potrà avere per trasportare e stoccare idrogeno in modo più semplice e sicuro, avendo l’NH3 una forma più stabile che richiede meno ‘attenzioni’ dal punto di vista di pressione e temperatura, rispetto all’H2 in purezza. Cosa di cui sono convinti molti analisti e di cui più di una volta ha parlato, in tempi recenti, anche il Ceo del Rina Ugo Salerno.


Infine, questo progetto rende palese la strategia dell’Arabia Saudita, che – pur restando ad oggi uno dei principali produttori mondiali di petrolio – evidentemente sta prendendo coscienza della fase calante in cui è entrato il greggio, e della conseguente necessità per il Paese di diversificare almeno in parte le sue fonti di sostentamento economico svincolandosi dall’ ‘oro nero’. E per farlo, Riad sta iniziando a puntare sempre più sui combustibili ecosostenibili, sfruttando – come nel caso del progetto appena annunciato da Air Product – le grandi risorse in termini di rinnovabili, soprattutto eolico e solare, di cui la penisola arabica è dotata


* Francesco Bottino è direttore di Hydronews, sito di informazione b2b focalizzato sulla filiera dell’idrogeno.


















Condividi l'inserzione sui social

facebook     linkedIn     twitter     google+


08/08/2020 energia L'economia circolare secondo ENI
08/08/2020 ambiente Rifiuti, che cosa propongono associazioni e sindacati al governo
08/08/2020 Viaggi Viaggio in Guatemale
08/08/2020 Design Design Ecosostenibile
08/08/2020 Design Arredi realizzati con materiali riciclati. Ecco come il design sta progettando un mondo migliore.
08/08/2020 notizie sui mercati Economia circolare, l’Europa accelera
08/08/2020 Attualita Report 2020 sulla moda consapevole: cosa cercano i consumatori online
05/08/2020 notizie sui mercati Il mercato dei prodotti sostenibili vale 100 miliardi di dollari
30/07/2020 Attualita L’ECONOMIA CIRCOLARE SERVE, ITALIA RECORD PER RIFIUTI ELETTRONICI DA SMALTIRE (BENE)
29/07/2020 ambiente Piombino, le 56 ecoballe inabissate da cinque anni davanti all’Elba nel santuario dei cetacei del Tirreno e bloccate sott’acqua dalla burocrazia
24/07/2020 ambiente Coronavirus, allarme smaltimento mascherine: "Non è sostenibile, serve filiera per il riciclo"
19/07/2020 Viaggi Viaggi green: regole e consigli per un sano eco-turismo
12/07/2020 corsi professionali Corsi per avviamento alla professione di trasportatore conto terzi rifiuti
05/05/2020 ambiente Nelle miniere dove nascono gli smartphone
27/04/2020 ambiente Rifiuti infetti e coronavirus Covid-19
25/04/2020 ambiente La logistica di Borsino Rifiuti
25/04/2020 notizie sui mercati CErcasi strategia? Ecco la nostra
25/04/2020 notizie sui mercati COVID ed EMERGENZA ECONOMIA CIRCOLARE
25/04/2020 Attualita GRAZIE A TUTTI VOI
25/04/2020 ambiente La nostra ricetta per ripartire
25/04/2020 corsi professionali AVVIAMO TRASPORTATORI CONTO TERZI
10/03/2020 ambiente Solidearità digitale per over 60
14/11/2019 Attualita Intervista al Founder di Borsino Rifiuti su LE FONTI TV
04/11/2019 ambiente GESTIONE SMART DEI RIFIUTI DI ATTIVITÀ ECONOMICHE E DI ENTI PUBBLICI
04/11/2019 Fiere ed Eventi Borsino Rifiuti relatore alla conferenza IFMA
03/11/2019 ambiente RIDUZIONE DELLA TARI E PRESENTAZIONE MUD CON BORSINO RIFIUTI
24/08/2019 Attualita IN AUTUNNO ARRIVA IL CAMBIO STAGIONE
19/06/2019 ambiente Apre a Roma il primo Point To Be Circular di Borsino Rifiuti
19/06/2019 ambiente Accordo Borsino Rifiuti e FAGRITA
06/06/2019 ambiente Traffico illecito di rifiuti per migliaia di tonnellate: arrestato Guglielmo Mattei di Padenghe
04/06/2019 ambiente Come effettuare un ordine di smaltimento nel proprio CAP
04/06/2019 ambiente Il challange di differenziamo col cuore...pubblica e guadagni
26/05/2019 ambiente Sei un gestore ambientale? Inserisci un'asta
social facebook borsinorifiuti twitter borsinorifiuti linkedin borsinorifiuti blog borsinorifiuti skype borsinorifiuti
BorsinoRifiuti è un marchio di Taebioenergy srl | via Magretti 22 - 20037 Paderno Dugnano (Mi) | P.IVA : 09179170965 | Tel 02 9102174 - e-mail: info@borsinorifiuti.com